Noi abbiamo dentro di noi un rifugio, un tabernacolo che dobbiamo serbare tutto per il Signore, di cui dobbiamo fare un luogo di riposo per lui solo.
Giovedì, 2 Aprile 2020
3 Marzo 2015
ROMA -Ognissanti: La statua della Pietà donata da Papa Pio X.
Un gioiello da scoprire, in attesa della visita di Papa Francesco del 7 marzo.

L'attesa della visita di Papa Francesco alla chiesa di Ognissanti, ove celebrerà la Messa sabato 7 marzo 2015, alle ore 18, porta a riscoprire la bellezza di questo tempio parrocchiale impreziosito da alcune opere di grande valore. Un'opera artistica molto bella è la Pietà opera di Franz Stracké.

 

La statua fu scolpita nel 1887, e donata in occasione del giubileo sacerdotale a Papa Leone XIII, che quell’anno ricordava il suo cinquantesimo anniversario di sacerdozio.  In quella occasione furono organizzati grandi pellegrinaggi nazionali, nei quali venivano portati al Papa doni per il suo giubileo sacerdotale.

L’autore dell’opera fu Franz Stracké Senior, pittore e scultore olandese d’origine tedesca ( Dorsten, 5 maggio 1820 - Baarn, 26 marzo 1898 ).

I committenti furono i fratelli Beijnes. Johannes Jacobus Beijnes (Haarlem, 1814 - Haarlem, 1888) è stato un uomo d’affari olandese e imprenditore che, insieme a suo fratello John Antonie Beijnes, ad Haarlem, diede  origine ad una grande fabbrica di vagoni ferroviari e di tram, divenendone presto produttore internazionale.

L’arrivo della statua ad Ognissanti. Ventun’anni dopo, che i fratelli Beijnes donarono la statua a papa Leone XIII, un altro papa, Pio X la donò a Don Orione per la Cappella aperta fuori porta San Giovanni il 25 Marzo 1908, come ricorda la cronaca di Ognissanti:

"Dentro – leggiamo in un articolo sulla nuova Cappella della nuova Parrocchia di Ognissanti – era tanto devota, quella piccola chiesetta: “la capanna di Betlem”, come la si chiamava. Aveva sopra l’altare, spiccante su uno sfondo di damasco, un grande crocifisso. All’ingresso, la Vergine Addolorata offriva all’adorazione il suo Figlio esamine; e i buoni fedeli d’allora non tardarono ad annerirgli le cicatrici di baci. I fanciulli si arrampicavano, come potevano, per consolare Gesù: sentivano tanta compassione per lui, e volevano baciarlo in viso. E’ lo stesso gruppo di marmo che si trova ora nella chiesa di Ognissanti, a destra di chi entra”.

Attualmente la statua è ancora collocata nella navata laterale destra della chiesa di Ognissanti.

A.P.

 

1 Aprile 2020
TORTONA (AL): UN SACERDOTE ORIONINO IN "MISSIONE" PRESSO IL PRIMO COVID HOSPITAL DEL PIEMONTE
Don Pietro Sacchi, religioso orionino della comunità del Paterno di Tortona, con 7 anni di sacerdozio, ha iniziato dalla settimana scorsa a offrire il proprio servizio di accompagnamento spirituale pr
1 Aprile 2020
CONSIGLIO GENERALE: INTENZIONE DI PREGHIERA ORIONINA PER IL MESE DI APRILE 2020
Per l’intercessione di San Luigi Orione, sempre pronto ad aprire le sue case alle necessità dei fratelli, fa’, o Signore, che anche noi spalanchiamo le nostre porte a chi in questi giorni ha bisogno d
1 Aprile 2020
BERGAMO: IN TANTI RICORDANO DON CIRILLO LONGO
Il Centro Don Orione di Bergamo sta soffrendo molto in questi ultimi giorni a causa del coronavirus. Alcuni religiosi orionini sono deceduti a causa della malattia, e tra questi anche Don Cirillo Long
Vedi tutte le foto
MENU RAPIDO
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Invia una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Figli della Divina Provvidenza
Don Orione oggi
Don Flavio Peloso
La vita
VATICANO: In visita alla Casa di Santa Marta, sede
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy by PRiNKOLab.it