Cresca tanto Dio in noi che viva Lui e non più noi; e riempiamo la terra di un esercito nuovo, un esercito di vittime che vincano la forza, un esercito di seminatori di Dio.
Lunedì, 30 Gennaio 2023
26 Agosto 2015
POLONIA: il 26 agosto è una data importante della biografia del beato Franncesco Drzewiecki.
In questa data, 75 anni fa, si incontrarono i due orionini Francesco Drzewiecki e Joseph Kubicki destinati a Dachau: il primo fu ucciso il 10 agosto 1942, il secondo sopravvisse fino alla liberazione del 29 aprile 1945.

In questi giorni, sto preparandomi al corso di esercizi che terrò a settembre alla Famiglia Orionina in Polonia “Sui passi del beato Francesco Drzewiecki”, seguendo i suoi esempi e le tappe del suo martirio.  La data del 26 agosto mi fa ricordare come esattamente 75 anni fa iniziava il percorso comune di Don Francesco Drzewiecki e del confratello chierico Joseph Kubicki nei lager nazisti e verso il martirio.


 

Don Francesco era già stato arrestato nella notte de 7 novembre 1939, assieme a tutto il clero di Wloclawek, ove egli si trovava come parroco e direttore del Piccolo Cottolengo. Dopo alcuni mesi nella prigione di Wloclawek, fu poi portato a Lad, un convento usato come prigione.
Ricorda un testimone: "Il 26 agosto, vennero le SS con i ben noti autocarri. Dopo averci riuniti nel cortile, uno degli hitleriani lesse a voce alta nome e cognome di ciascuno di noi,  via via che i chiamati uscivano… fu ordinato di prepararsi a partire” (Korszynski).

I prigionieri in partenza furono spogliati di tutti gli oggetti personali. Alle 11 del mattino, gli autocarri si misero in moto. Iniziava una nuova e ancor più dura tappa della lunga "via crucis", a Szczyglin. Verso Dachau.

A Szczyglin, il 26 agosto, Don Francesco incontra  il confratello Jozef Kubicki. Egli, ancora chierico di 24 anni, fu arrestato il giorno prima, con il parroco don Rysztok, mentre si trovava nella Casa orionina di Izbica Kujawska, mentre cantavano il Te Deum di chiusura degli Esercizi spirituali.

"Lo stesso giorno – racconta Kubicki - fummo portati a Szczyglin (Poznan) dove ho incontrato don Drzewiecki che era già lì. Non abbiamo potuto neanche parlarci perché era severamente vietato. Abbiamo passato tre giorni e tre notti in questo luogo di concentramento prima di essere trasportati a Sachsenhausen e infine a Dachau.  Fummo ammassati presso una fattoria, dentro una fossa, come anatre".

 “Da Szczyglin, stipati su camions, noi prigionieri ecclesiastici partimmo verso destinazione inizialmente ignota”, ricorda Don Kubicki che fu importante testimone nel processo di beatificazione dei Martiri polacchi. “Giungemmo a Berlino. Quando i camions si fermavano al semaforo, i passanti chiedevano alla scorta chi stessero portando. I banditi polacchi, spiegavano. E allora la gente imprecava e bestemmiava contro di noi, trattandoci come delinquenti. Ci bastonavano e picchiavano. Ricordo un anziano col bastone avvicinarsi e picchiarci.

- Berlino, uscire! Fummo messi in fila e fatti vedere quasi a dar spettacolo.
Fummo trasportati al lager di Sachsenhausen. In fondo a un largo viale, ci aspettava­no le SS, disposti su due file, con in mano i bastoni e cominciarono a battere il grano.

Da Sachsenhausen, i nostri due Confratelli furono portati al Lager di Dachau, il 14 dicembre 1940.

Le vicende di questi due Orionini al Lager sono raccontate nel libro “Francesco Drzewiecki, n.22666: un prete nel Lager (Borla 2008, p.160).

Sappiamo che poi, dopo due anni a Dachau, Don Francesco Drzewiecki, indebolito dai lavori forzati e dalle angherie del Lager fu ucciso nella camera a gas e cremato nel castello di Hartheim, una struttura di eliminazione di disabili, prima, e di prigionieri poi.
È da ricordare che poco tempo prima, il 28 maggio 1942, fu eliminato anche un altro orionino, don Robert Szulczewski, perché invalido a lavorare. Di lui poco sappiamo.
Joseph Kubicki invece, addetto alle falegnamerie, ebbe la vita un poco meno dura e sopravvisse fino alla liberazione del Lager, il 29 aprile 1945.

Don Flavio Peloso

 

LINK: Cenni biografici sul beato Francesco Drzewiecki anche in Français, English, Polish

27 Gennaio 2023
27 GENNAIO: GIORNO DELLA MEMORIA
Ricorrono oggi la Giornata internazionale di commemorazione delle vittime dell'Olocausto e il 78º anniversario della liberazione del campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau.
26 Gennaio 2023
MONTEBELLO DELLA BATTAGLIA: L'ASSEMBLEA DI PROGRAMMAZIONE DELLA PROVINCIA ITALIANA
È in corso a Montebello della Battaglia l'Assemblea di programmazione della Provincia religiosa Madre della Divina Provvidenza.
25 Gennaio 2023
"PARLARE COL CUORE". IL MESSAGGIO PER GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI 2023
Il Messaggio di Papa Francesco per la 57ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, come di consueto, è stato diffuso il 24 gennaio 2023, memoria di San Francesco di Sales patrono dei giornalisti
Don Sterpi, beato FRANCESCO DRZEWIECHI, Don Sciaccalula e Don Pensa (29.6.1936)
Mons. W. Sarnik e Don Joseph Kubicki, sopravvissuti al Lager
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Inviaci una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Frate Ave Maria
Figli della Divina Provvidenza
La storia degli 11 cammelli
La vita
Don Orione oggi
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy