La miglior carità che si può fare ad un’anima è di darle Gesù, e la più dolce consolazione che possiamo dare a Gesù è di dargli il possesso di un’anima. Questo è il vero suo regno.
Giovedì, 29 Febbraio 2024
16 Giugno 2014
MOZAMBICO: Notizie del Superiore generale da Maputo.
Visita alla comunità e alle attività orionine a Bagamoyo e Zimpeto, nella periferia di Maputo.

Mi trovo in Mozambico da venerdì 12. Vi sono giunto con il consigliere generale Padre Joao Batista de Freitas. È una visita fraterna e di sostegno a questa presenza orionina, iniziata 11 anni fa, in una nazione molto povera e impoverita da una lunga guerra civile. Ora, piano piano, sta consolidando la sua struttura civile e religiosa. Qui si parla portoghese, oltre che lingue etniche locali, e c’è una buona percentuale di cristiani, il 30% su una popolazione totale di 20 milioni di abitanti.

 

I primi due Orionini sono arrivati a Maputo, a Bagamoyo, il 21 marzo 2003. Era il giorno centenario dell’approvazione canonica della Congregazione. Li accompagnava Pe Joao Batista de Freitas, anche allora consigliere generale. Pe José Geraldo, brasiliano, uno dei primi due Orionini, è il confratello che ha dato continuità allo sviluppo di questa missione, in un quartiere molto povero della periferia di Maputo.

E’ sempre commovente vedere la partecipazione di questa gente, festosa e devota, alla Messa domenicale. Ho celebrato, alle 7 del mattino, nel giorno della festa della Trinità, con circa 800 persone. Tutti erano attenti, pregando, cantando, ascoltando, danzando, dal primo momento fino al termine delle 3 ore di liturgia. La parrocchia è a struttura centrale, con gruppi di pastorale e di animazione, e con 17 nuclei che corrispondono a piccole comunità di base, che si ritrovano nelle famiglie, ogni settimana per preghiera, meditazione della Parola, informazione e aiuto reciproco.

Ora la Parrocchia dispone di ambienti idonei, costruiti recentemente con aiuti vari di benefattori e della Congregazione.
Alcune sale sono, per ora, ancora occupate da una decina di seminaristi, accolti qui nel pre-noviziato, mentre frequentano i due anni di studi propedeutici alla filosofia e alla teologia. Altri 4 mozambicani sono nel noviziato di Bonoua (Costa d’Avorio) e 5 sono nella filosofia di Ouagadougou (Burkina Faso).  Abbiamo avuto un bell’incontro con questi giovani, che hanno raccontato la loro storia e il loro incontro vocazionale con don Orione.

Il superiore della comunità religiosa, Pe. Paulo Damin, è da alcuni mesi assente a causa della grave infermità della mamma, in Brasile. Attualmente, Pe. Claudio Pamazi (togolese) e il chierico Felipe (brasiliano) sono gli animatori sia della Parrocchia e sia del gruppo di seminaristi.

A 3 chilometri di distanza c’è l’altra parte della comunità – Pe José Geraldo e Pe. Riccardo Paganini (brasiliani) – che hanno la responsabilità dell’Obra Don Orione, un piccolo villaggio per bambini e bambine con disabilità fisiche e psichiche medio-gravi. Attualmente sono 35. Vivono di provvidenza che si manifesta con l’aiuto della Congregazione e di tanti benefattori piccoli e grandi.
L’opera è già molto conosciuta e benvoluta nella Capitale. Molte persone e gruppi vanno a stare qualche ora con i bimbi e offrono qualcosa di loro generosità. E’ già in funzione il piccolo centro di riabilitazione per i bambini interni e si sta per aprire anche agli esterni.
Finalmente, ho potuto vedere la costruzione in corso del piccolo seminario e della casa della comunità religiosa, sempre all’interno del recinto del piccolo villaggio. Sono già pronti anche i disegni, i volontari costruttori e una buona offerta proveniente dall'Italia per poter costruire anche la chiesetta del Villaggio che sarà dedicata alla Madre della Divina Provvidenza.

Don Flavio Peloso

28 Febbraio 2024
Il Rosario: una riscoperta per i giovani
Dagli animatori della Parrocchia San Bernardino di Tortona, il racconto di un emozionante viaggio spirituale al Sacro Monte di Varese.
27 Febbraio 2024
Pogli (SV) festeggia il compleanno di Frate Ave Maria
Pogli non dimentica il suo cittadino più illustre e sabato sera ha festeggiato il compleanno di Frate Ave Maria.
26 Febbraio 2024
Il Papa: Diventare "cercatori della luce"
All’Angelus papa Francesco, commentando il Vangelo della Trasfigurazione ha invitato a «non staccare mai gli occhi dalla luce di Gesù» e a «coltivare sguardi aperti, diventare “cercatori di luce”, del
Obra Don Orione
Il gruppo dei seminaristi
Vedi tutte le foto
Benedizione del nuovo Centro di riabilitazione a Maputo
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Inviaci una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Frate Ave Maria
Figli della Divina Provvidenza
La storia degli 11 cammelli
La vita
Don Orione oggi
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy