E’ il cuore che fa l’uomo, cioè è il cuore che fa la grandezza morale dell’uomo, ma quando il cuore è, quale dev’essere, un altare sacro a Dio.
Martedì, 15 Ottobre 2019
3 Ottobre 2019
MILANO: APERTO IERI DA MONS. DELPINI IL CONVEGNO APOSTOLICO DELL’OPERA DON ORIONE IN ITALIA
Si è aperto ieri a Milano, presso l’Aula Magna dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, l’VIII Convegno Apostolico dell’Opera Don Orione in Italia, con il titolo «La spiritualità nella qualità di vita: il dominio mancante».

Erano presenti tra gli altri il preside della Facoltà di Scienze della formazione dell’ateneo, Luigi Pati, il direttore provinciale della Provincia religiosa Madre della Divina Provvidenza, don Aurelio Fusi, il rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli e l’assistente generale della Cattolica monsignor Claudio Giuliodori.

Ad introdurre i lavori è stato Monsignor Mario Delpini, Arcivescovo di Milano, che ha delineato il rapporto tra fede e fragilità: “L’uomo da sempre si domanda il perché della malattia, della sofferenza, della morte. La fede non spiega il perché, non dà una spiegazione, ma nell’incontro con un Dio che ci ha amati fino alla Croce ci dice che non siamo soli, che anche nella sofferenza possiamo amare e essere liberi”.

Il filo rosso di questo incontro con Gesù, il dio che si è fatto vicino, ha legato tutti gli interventi del mattino. Don Alberto Curioni, direttore dell’ufficio di Pastorale della salute della Diocesi di Lodi, ha ricordato che la fragilità è comune a chi aiuta e a chi viene aiutato, perché ciascuno si porta dietro ferite, dolori, vuoti che aspettano di essere condivisi piuttosto che riempiti, di domande di senso che cercano una risposta. E proprio la ricerca del senso è per Padre Ramon Lucas Lucas, professore alla Pontifica Università Gregoriana di Roma, ciò che rende inquieto l’animo umano, interpellato in questa ricerca proprio dalla sofferenza.

Nella letteratura scientifica sono numerose le ricerche che trattano la Qualità di Vita nella disabilità come capacità di autodeterminazione, di partecipazione sociale, di autonomia fisica e psichica, ma ancora troppo pochi sono i modelli che includono la dimensione della spiritualità tra le aree della Qualità di Vita delle persone fragili, come hanno affermato il dott. Marco Bertelli, psichiatra, e la dott.ssa Elisa Rondini, antropologa e ricercatrice.

Nel pomeriggio diversi testimoni hanno presentato ai convegnisti la loro personale esperienza di vicinanza alle persone fragili. Don Diego Pancaldo, Diocesi di Pistoia, ha raccontato la sua quarantennale storia di accompagnamento spirituale dei disabili nei centri della Fondazione Maria Assunta in Cielo: la Fondazione nasce dall’intuizione di un sacerdote, Don Renato Gargini, che negli anni in cui il disabile è segregato in casa, organizza delle attività che invece lo rendano protagonista della sua vita, della città e anche della vita della comunità parrocchiale.

Don Vincent Nagle, sacerdote della Fraternità Sacerdotale San Carlo Borromeo, ha narrato il suo lavoro di prete tra i malati: difficile stare accanto a chi soffre o sta morendo se pensiamo di dover dare risposte, di dover risolvere il suo problema. La sofferenza non chiede soluzioni, chiede compagnia, desidera qualcuno che dia voce a quella preghiera strozzata dal dolore che non trova parole.

Il dott. Stefano Lassi, psichiatra, ha illustrato il grande cambiamento che la comunità medica internazionale sta vivendo nell’accogliere la dimensione spirituale della persona come elemento di promozione e tutela della salute.

Infine, la dott.ssa Bianca Maria Fraccaro, medico di medicina generale e palliativista, ha presentato il quadro attuale della medicina palliativa: non si tratta solo degli interventi del fine vita o della terapia del dolore, ma di un cammino che il medico compie insieme alla persona malata ed alla sua famiglia, per trovare una via per passare attraverso il dolore. Medicina palliativa significa riscopire che il tempo della relazione è tempo di cura.

Ascoltare, tacere, accompagnare, dedicare tempo, stare accanto, amare: da queste azioni, da questi gesti, anche attraverso un silenzio imbarazzato, possiamo annunciare che Dio è amore, è vicino a chi soffre e cammina con lui.

Dopo la giornata milanese, il Convegno si è spostato a Montebello della Battaglia dove, presso il Centro congressi Don Orione, si affronterà fino a domani, 4 ottobre, il tema «Organizzare l’identità carismatica» (anche con workshop tematici).

 

14 Ottobre 2019
BONOUA: INIZIATI I LAVORI DELL’ASSEMBLEA GENERALE DI VERIFICA.
Sono iniziati questa mattina il lavori dell’Assemblea generale di verifica in corso a Bonoua fino al 20 ottobre 2019.
14 Ottobre 2019
COSTA D’AVORIO: GRANDE FESTA DI ACCOGLIENZA ALLA PARROCCHIA SAINT PIERRE CLAVER DI BONOUA
Si è svolta domenica 13 ottobre presso la parrocchia Saint Pierre Claver di Bonoua la Messa solenne di apertura dell'Assemblea Generale di Verifica della Congregazione dei Figli della Divina Provviden
13 Ottobre 2019
COSTA D’AVORIO: L’EVANGELIZZAZIONE PASSA ATTRAVERSO LE OPERE DI CARITÀ
A Bonoua la visita al Centro “Don Orione” per diversamente abili e alla Scuola Tecnico Professionale “Don Orione”, da parte dei Delegati dell’Assemblea Generale di Verifica.
MENU RAPIDO
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Invia una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Figli della Divina Provvidenza
Don Orione oggi
Don Flavio Peloso
VATICANO: In visita alla Casa di Santa Marta, sede
La vita
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy by PRiNKOLab.it