E’ il cuore che fa l’uomo, cioè è il cuore che fa la grandezza morale dell’uomo, ma quando il cuore è, quale dev’essere, un altare sacro a Dio.
Martedì, 15 Ottobre 2019
21 Maggio 2012
FAMIGLIA ORIONINA: Al Santuario di Fumo, i funerali di Don Paolo BUSSOLINI

Sono stati celebrati nel santuario della Beata Vergine di Caravaggio, a Fumo (Pavia), alle ore 15, i funerali di Don Paolo Bussolini. Il vescovo orionino Mons. Andrea Gemma ha presieduto la Messa concelebrata da 33 sacerdoti. Il consigliere generale argentino P. Eldo Musso ha espresso l'affetto e il ringraziamento della Congregazione, con particolare riferimento alla presenza di Don Paolo in Argentina per 46 anni. Il Sindaco, Don Brazzalotto e altre persone si sono susseguite ad esprimere il commosso ricordo.

Don Paolo Bussolini è morto il 19 maggio 2012, al Pensionato “Don Orione” di Fumo di Corvino San Quirico (PV). Era nato a Montemartino (PV), il 22 novembre 1920 e pertanto aveva 91 anni di età, 74 di professione religiosa e 65 di sacerdozio.


Sono giunte molte testimonianze di affetto e di stima verso il Confratello che ha vissuto 45 in Italia e 46 in Argentina. Riportiamo solamente quelle del superiore generale Don Flavio Peloso, di Don Roberto Simionato, superiore generale emerito, e di Mons. Adolfo Uriona, vescovo orionino argentino.


DON FLAVIO PELOSO
L’avevo visitato proprio nel giorno della festa di San Luigi Orione, il 16 maggio. Era sofferente e molto limitato nell’espressione, ma presente con cenni e qualche parola. Gli ho portato il ringraziamento e la preghiera della Congregazione per la lunga vita (91 anni) spesa con generosità e devozione. Abbiamo pregato un po’ di rosario insieme. Si è spento oggi, 19 maggio, alle 10.45, assistito amorevolmente da Don Luigi Brazzalotto.

Da Montemartino (Pavia), ove nacque il 20 novembre 1920, i genitori lo accompagnavano a Tortona per la festa della Madonna della Guardia del 29 agosto. Fu in queste occasioni che vide ed ebbe le prime belle impressioni di Don Orione. Un suo fratello Pietro era già entrato in Congregazione. Paolo lo seguì, a 11 anni, nel 1932.
Fece i suoi primi studi e poi passò a Villa Moffa (Cuneo) per il noviziato, professando i voti religiosi il 1° settembre 1937, nelle mani di Don Orione appena tornato dall'Argentina. Per tre anni ebbe modo di incontrare Don Orione e ne fu affascinato. Spesso raccontava del dito del piede del beato Bernardino da Feltre che lui e il compagno Rocco Fuso trafugarono durante la visita alla chiesa di Sant'Agostino a Pavia, convinti di fare un bel regalo a Don Orione. "Fu l'unica volta che vidi Don Orione arrabbiato e il mattino seguente fummo a piedi a restituire il maltolto", ricordava Don Paolo.

Fece gli studi di teologia durante la 2a guerra mondiale ed emise i voti perpetui nel santuario di Casei Gerola l’8 settembre 1944. Fu ordinato sacerdote da Mons. Melchiori il 7 luglio 1946, nel santuario Madonna della Guardia in Tortona.
Fu assistente al “Manin” di Venezia e al seminario di Buccinigo d’Erba (Como).

Nel 1949, su richiesta del Superiore generale Don Carlo Pensa, partì missionario per l’Argentina; arrivò a Buenos Aires il 14 ottobre 1949. A questa “seconda patria” dedicò quasi tutta la sua vita sacerdotale: al collegio “Lujan” a Claypole fino al 1959; dal 1959 al 1962 al collegio filosofico “San José” di Claypole; fu direttore e parroco di “San José” a Mar del Plata fino al 1973 e poi al Piccolo Cottolengo di Claypole. Fu superiore della Provincia Argentina N. S. de la Guardia dal 1976 al 1982 e poi dal 1987 al 1991. L’ultima tappa di vita in Argentina fu a Cordoba, dal 1991 al 1996, come direttore e parroco.

Avanzando gli acciacchi dell’età, il 26 marzo 1996 ritornò in Italia.
Dedicò gli ultimi anni al servizio del santuario della Madonna di Caravaggio a Fumo di Corvino San Quirico, lieto di lavorare all’ombra della Madonna nel condurre le anime a Gesù, soprattutto con l’esempio, con il ministero della confessione e con tanta preghiera, sempre disponibile alla volontà di Dio.
Accettò con fortezza e sacrificio la malattia che negli ultimi due anni divenne sempre più pesante. Già colpito dal male, scrisse il 18 luglio del 2011, quasi a scusarsi di non potere fare di più: “Sento l’amore della Madre Congregazione, nella quale - grazie a Dio – mi comportai sempre come figlio. Bello poter dire questo! Non sono io che mi tiro indietro, è il Signore che mi ha fermato”.
Caro Confratello e Padre, grazie! Riposa in pace!
Don Flavio Peloso


P. ROBERTO SIMIONATO
Mando un saluto commosso nel ricordo del P. Pablo. Anche se la notizia era prevedibile, é sempre una perdita per tutti. Don Paolo ha speso la vita ed il meglio del suo sacerdocio con noi, in Argentina. Ricordato da tutti come uomo retto e generoso, ha lasciato un segno in molti di noi e nella Provincia che diresse per una decina d’anni come provinciale. Le vocazioni sono state grande parte sua anima sacerdotale, non solo perché il Colegio Apostolico de N S de Lujan (dove mi ha ricevuto negli anni ’50) é stata la sua prima destinazione, ma anche per la constante preoccupazione verso i giovani che curó con affetto e dedicazione pesonale. Dal suo lavoro pastorale germogliarono parecchi sacerdoti e consacrati: tra essi il nostro vescovo, Mons. Adolfo Uriona.
Testmonianza dell’affetto degli argentini é la visita-pellegrinaggio che si fa a Tortona e Fumo per andare dal “Busso”, in ogni occasione che si va in Italia.
Conservo ancora il ricordo dell’ultimo incontro a Fumo, nel Novembre scorso assieme al P. Omar Cadenini, dopo il raduno missionario di Ariccia. Presentivamo che era un addio e anche lui lo sentiva. Abbiamo detto il rosario in capella della comunitá, interrotto ogni tanto da commenti e consegne del tipo “Fidem servavi, cursum consumavi”! Ho fatto la mia parte, ora ringrazio il Signore che lo fate voi che mi date il buon esempio di voler bene alla Congregazione e tirare il carro… e cosi via in una specie di Nunc dimittis prolungato”!
Caro Padre Pablo! Ha servito la Congregazione da figlio, ha voluto bene a tanta gente, sará ricordato sempre con tanto affetto. Ha voluto ritornare al suo Monte Martino, ma meriterebbe che un po’ delle sue ceneri fossero a Claypole a tener viva la sua memoria. Il Signore di sicuro dará il premio eterno. La messa di oggi é stata tutta per lui.
P. Roberto Simionato



MONS. ADOLFO URIONA
Don Paolo è partito per il Cielo!

46 anni ha lavorato in Argentina e ci ha lasciato l'esempio di una vita tutta consegnata al Signore, alla Madonna, alla Chiesa e a Don Orione.
San Luigi Orione sicuramente ha aperto le porte del Paradiso a questo carissimo confratello, e Don Paolo pregherá il Signore per tutta la sua famiglia religiosa.
L'Eucaristia sarà il momento del ricordo mà anche della unione con Lui nel Misterio della comunione dei santi.
  Con la mia benedizione!
+Adolfo A. Uriona fdp
Obispado de Añatuya


Scarica il Necrologio di Don Paolo BUSSOLINI:
PDF: SG-12.066 BUSSOLINI Paolo - necrologio
DOC: SG-12.066 BUSSOLINI Paolo - necrologio

sj.


























14 Ottobre 2019
BONOUA: INIZIATI I LAVORI DELL’ASSEMBLEA GENERALE DI VERIFICA.
Sono iniziati questa mattina il lavori dell’Assemblea generale di verifica in corso a Bonoua fino al 20 ottobre 2019.
14 Ottobre 2019
COSTA D’AVORIO: GRANDE FESTA DI ACCOGLIENZA ALLA PARROCCHIA SAINT PIERRE CLAVER DI BONOUA
Si è svolta domenica 13 ottobre presso la parrocchia Saint Pierre Claver di Bonoua la Messa solenne di apertura dell'Assemblea Generale di Verifica della Congregazione dei Figli della Divina Provviden
13 Ottobre 2019
COSTA D’AVORIO: L’EVANGELIZZAZIONE PASSA ATTRAVERSO LE OPERE DI CARITÀ
A Bonoua la visita al Centro “Don Orione” per diversamente abili e alla Scuola Tecnico Professionale “Don Orione”, da parte dei Delegati dell’Assemblea Generale di Verifica.
Don Paolo BUSSOLINI
Prima professione ricevuta da Don Orione, 1937
Una recente foto di Don Bussolini con il cappello da alpino
Vedi tutte le foto
MENU RAPIDO
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Invia una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Figli della Divina Provvidenza
Don Orione oggi
Don Flavio Peloso
VATICANO: In visita alla Casa di Santa Marta, sede
La vita
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy by PRiNKOLab.it