Lungi da noi ogni pusillanimità, sotto I quale s’asconde, talora, la pigrizia o I piccolezza dell’animo.
Sabato, 23 Ottobre 2021
13 Gennaio 2016
DON ORIONE: Una grande amicizia testimoniata da una foto con dedica.
Un quadretto con dedica autografa ricorda l'amicizia del Santo con Achille Malcovati.

In occasione dell’ultima visita Genova, il confratello Don Erasmo Magarotto mi ha donato la fotocopia di un quadretto con il volto di Don Orione impreziosito da una sua dedica autografa che dice: “La religione pura e immacolata, agli occhi di Dio e Padre, consiste in questo: nel visitare gli orfani e le vedove nelle loro tribolazioni, e nel non lasciarsi contaminare dal mondo”. (Dall’Epistola di S. Giacomo, Vescovo di Gerusalemme e Martire). Al caro Amico Comm.re Malcovati con la più affettuosa cordialità. Don Orione. Genova, 20/2/1938”.

A recuperare questo quadretto è stato Don Cesare Marenzi, parroco di Romagnese, che spiega: “Tempo fa, in un mercatino antiquario, ho trovato e subito acquistato un quadretto con una foto di Don Orione, una frase biblica e la dedica al caro amico commendatore Malcovati, benefattore, beneficato e salvato. È datato 20 febbraio, tutto scritto a mano autografa. È per me una reliquia preziosa. Ma credo che donarla alla casa in cui è stata scritta sia un sacrificio buono. Sac. Cesare Marenzi, parroco di Romagnese. Genova 19/4/2015”.
Quel quadretto con dedica è testimone di una grande amicizia.

Il nome di Achille Malcovati, nato a Pavia il 21 gennaio 1897, è ben noto nella biografia di Don Orione.
Fu un eroe indomito nella prima guerra mondiale (1915-1918) e poi, come volontario, nella seconda guerra mondiale (1940-1943) fu capitano nella battaglia di El Halamein nella seconda (1940-1943). Fu un grand’ufficiale pluridecorato dell'esercito italiano. Durante l'occupazione nazista dell'Italia, si prodigò per salvare gli Ebrei nascondendoli anche in casa sua. Uomo onesto, generoso e magnanime, fu personaggio di spicco nel mondo dell'impresa e del commercio fino alla morte che giunse nella sua casa di Pavia, il 4 febbraio 1962. Tra tante medaglie, titoli e onorificenze quella che più volentieri esibiva era: “uno che aiuta Don Orione”.
Questo signore, durante la prima guerra, portava a tracolla una fascia nella quale era scritto: «Niente sacramenti» e valeva nel caso che fosse stato colpito a morte. Un giorno, su richiesta di Ferruccio Lantini, Ministro delle Corporazioni, andò a prendere Don Orione con la sua macchina, a Tortona, per portarlo presso il morente padre Giuseppe, che si trovava a Lucca. Parlando con Don Orione durante il viaggio si convertì, così come successivamente anche Giuseppe Lantini. Entrambi entrarono nell'orbita dell'amicizia di Don Orione.

Il Malcovati ricambiò a Don Orione grande stima e affetto. lo rincorreva da Genova, a Tortona, a Roma, per confessarsi e comunicarsi alla sua Messa, per aiutarlo nelle imprese caritative e anche spirituali. Nel diario dell'Istituto di Sette Sale, alla data 12 gennaio 1939, leggiamo: "12 Giovedì. Alla Messa di Don Orione è ad assisterla il Ministro Lantini col Comm. Malcovati ed un altro  Signore. I primi due fanno devotamente la S. Comunione. Dopo la S. Messa si trattengono con Don Orione mentre prendono un po’ di colazione. Nel pomeriggio Don Orione accompagnato da Malcovati si porta in casa dell’ebreo che deve battezzare. È uno dei più ricchi di Roma, ha nome Coen, più volte milionario. È amico del Ministro Lantini e Don Orione, per invito di quest’ultimo, si è portato a Roma per battezzarlo. Ci raccontò come dopo la cerimonia si sia messo a piangere dalla commozione".
Fu il  Malcovati che, poco dopo le 21 del 12 marzo 1940, telefonò a Don Orione, alla Villa Santa Clotilde di Sanremo, per raccomandargli di accogliere una povera donna bisognosa in un Piccolo Cottolengo. Don Orione l'accettò è suggerì di mandarla a Genova. Poco più di un’ora dopo morì. «Fu il suo ultimo sì agli uomini», commentò il cardinal Giuseppe Siri. Il giorno dopo, Malcovati, avendo saputo della morte di Don Orione, si precipitò a Sanremo e, in lacrime, non si staccò più dalla cara vista del suo amico santo.

Don Flavio Peloso

21 Ottobre 2021
MILANO: MESSA DI SUFFRAGIO NEL 30° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI DON MASIERO E DON RIVA
Nell’ottobre di 30 anni fa in Venezuela accadde il tragico incidente nel quale persero la vita Don Masiero, Don Riva, Don Saran e il giovane Villanueva. Il 24 ottobre a Milano sarà celebrata una Messa
20 Ottobre 2021
MLO: CONCLUSO L’INCONTRO INTERNAZIONALE “ORIONINI OGGI- FRATELLIMISSIONARI”
Si è concluso domenica 17 ottobre l’Incontro internazionale del Movimento Laicale Orionino”, realizzato quest’anno in modalità virtuale.
19 Ottobre 2021
POLONIA: PELLEGRINAGGIO NAZIONALE DEI FRATELLI RELIGIOSI A JASNA GÓRA
Si è svolto dal 14 al 15 ottobre 2021 a Jasna Góra in Polonia, il pellegrinaggio nazionale dei Fratelli religiosi. A rappresentare la congregazione orionina c’erano fr. Zbigniew Smętek, fr. Andr
Il quadretto con dedica di Don Orione a Malcovati
Malcovati al seguito di Don Orione (Genova, Paverano 1938)
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Inviaci una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Frate Ave Maria
Figli della Divina Provvidenza
Don Orione oggi
La vita
La storia degli 11 cammelli
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy