II silenzio è riposo morale (...) e silenzio religioso è, per lo spirito, preghiera, adorazione e unione con Dio.
Domenica, 21 Aprile 2019
31 Agosto 2008
Incontro Internazionale MLO 2008 - Comunicato 8

Domenica 31 agosto 2008, per la prima volta al mondo e nella storia si è svolta la VIA CARITATIS guidata dal Superiore Generale FDP don Flavio Peloso per le vie di Tortona, “città in cui Don Orione ha fatto tanto e ha fatto tanto per i poveri non solo di questa città” come ha sottolineato il sindaco Ing. F.Marguati.

Si è partiti alle ore 9, in un percorso a piedi, in clima di preghiera e accompagnati dalla banda di Borgonovo Valtidone, dal monastero delle Contemplative di Villa Charitas ( I stazione ) ove, nella prima stazione suor Maria di Gesù ha dato testimonianza della Carità nell'amicizia di Dio.

Sono stati toccati poi diversi ambiti di vita in cui sviluppare la carità; ad ognuna delle 14 stazioni si è sostato in riflessione e preghiera con la Parola di Dio, con Don Orione e con qualche testimonianza per meditare su come è possibile illuminare e rinnovare con il fuoco della “Carità che sola salverà il mondo”.

Alla II stazione , la Carità nella solidarietà, Mirella Cartasegna, volontaria, ha ricordato le parole di Don Luigi Orione “Le porte del Piccolo Cottolengo non domanderanno a chi entra se abbia un nome ma soltanto se abbia un dolore”. Ed è con questo spirito che i frati cappuccini e i volontari operano presso la Mensa dei poveri aperta ogni giorno dell'anno sia a pranzo che a cena.

Alla III stazione , presso la Casa del Giovane, Prati Monica volontaria ed educatore professionale ci ha attualizzato la Carità nella vocazione di vita.

Giungendo in Duomo per la IV stazione , la Carità nella Chiesa, il parroco Don Carlo Curone ha ricordato come i cristiani debbano essere uniti nella Carità attorno al proprio Vescovo, Carità che è l'essenza stessa per un cristiano.

Alla V stazione davanti al Tribunale, il procuratore capo della Procura della Repubblica di Tortona, Consigliere Dott. Bruno Rapetti a proposito della Carità nella giustizia ha detto che la giustizia della legalità, intesa come rispetto delle regole dell'ordinamento giuridico, risulta più facile a coloro che improntano la loro vita ai valori della carità e dell'amore piuttosto che a personalismi e egoismi.

La VI stazione , la Carità nella misericordia, è stata presso il carcere non più usato che dovrà essere riqualificato come luogo per il reinserimento dei detenuti ed aiuto alle loro famiglie. Qui la dirigente del settore sociale del comune di Tortona dr. Luisa Iotti ha attualizzato il messaggio ricordando che al cristiano è richiesto di andare oltre, superando il forte pregiudizio su chi sbaglia una volta che ha scontato la sua pena, perché la misericordia supera il criterio meritocratico.

Alla stazione ferroviaria ( VII stazione ), luogo tra i più frequentati da Don Orione dopo il Paterno, il capostazione e volontario all'oratorio San Luigi Giampiero Torre ha ricordato come Tortona sia un nodo particolare dove il traffico è intenso. La Carità nella comunicazione, tante volte consiste nel sopportare ed accettare in silenzio critiche o insulti per gli inconvenienti verificatesi a causa di un piccolo disguido che crea disservizi, ritardi e perciò attriti e malumori fra gli utenti ed il personale addetto alla circolazione.

La Dirigente Scolastico Dott.ssa M.Teresa Torre, alla VIII stazione davanti all'edificio delle scuole elementari ha affermato che l'attuale sfida educativa si può vincere se da parte degli educatori si proverà a recuperare il senso di “missione” che è insito nel loro delicato compito. Il servizio della Carità nell'educazione trova in Cristo Maestro e Buon Pastore la figura di riferimento, così come i Santi Don Bosco e Don Orione consapevoli che l'educazione è cosa del cuore hanno creato l'uno il “metodo preventivo” e l'altro il “sistema cristiano-paterno” che insieme concretizzano un modello educativo meritevole di essere ripreso nei suoi elementi essenziali.

La IX stazione presso il Municipio ha visto il contributo del sindaco della città Ing. Francesco Marguati che parlando della Carità nella politica ha indicato come pur nella complessità delle odierne problematiche, oggi nell'amministrare ci si debba richiamare sempre al bene comune e al primato della carità, perché l'incarico istituzionale ricoperto permetta di costruire la civiltà dell'amore che resta l'obiettivo fondamentale dei cristiani in politica.

La X stazione in Piazza Malaspina ha visto l'attualizzazione della Carità nella vita sociale da parte della sig.a Guglielmina Sartori, consigliera organizzazione Territoriale ProTortona e volontaria MLO.

L' XI stazione , la Carità nella famiglia, ha visto l'intervento dell'intera famiglia Civeriati: papà Giancarlo, mamma Daniela con i figli Elisa e Giuliano che ha sottolineato come l'incontro con le suore PSMC e la scoperta del carisma di S. Luigi Orione li abbia aperti al volontariato in parrocchia per dare testimonianza.

Alla XII stazione , la testimonianza della dott.ssa M.Grazia Pacquola, medico oncologo dell'Ospedale di Tortona e volontario all'Associazione Enrico Cucchi, ha ricordato come gli operatori sanitari incontrano quotidianamente persone nella difficile situazione di trovare un senso alla sofferenza, alla malattia e alla debolezza. Vivere la Carità nel servizio alla vita comporta mettersi accanto a queste persone con umiltà e consapevolezza.

Alla XIII stazione , una marea di gente che si è via via unita lungo il percorso della Via Caritatis, è entrata nel parco del Piccolo Cottolengo dove c'erano bambini, suore, operatori ad attenderli. Qui Francesco Manniti, magazziniere e presidente del Movimento Orionino Volontari di Tortona ha attualizzato la Carità nell'aiuto alla vita debole dicendo che la carità è la cosa più difficile da praticare, in quanto non basta la parola, ma occorre l'azione.

La Via Caritatis si è conclusa con la XIV stazione nel Santuario della Madonna della Guardia, dove il sig. Piero Angelo Cunicolo, imprenditore agricolo e fedele volontario al santuario ha dato le ragioni della sua presenza e della Carità nella fede.

A conclusione la Santa Messa solenne presieduta dall'Arcivescovo Mons. Elio Sgreccia ha portato al centro dell'attenzione l'Eucarestia che è il vertice, il punto d'arrivo e la sorgente della Carità.

Clicca qui per leggere tutti i documenti dell'Incontro Internazionale MLO 2008.

Vedi il testo della VIA CARITATIS

14 Novembre 2012
Lo Statuto del Movimento Laicale Orionino
È datato del 20 novembre 2012 il Decreto con cui la Congregazione per la Vita Consacrata ha riconosciuto il MLO come "Associazione pubblica di fedeli laici".
9 Dicembre 2011
Quaderno di formazione 2011-2012 (IT - ES)
21 Gennaio 2011
Schede di formazione MLO 2010-2011 (IT -ES)
Vedi tutte le foto
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Invia una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Figli della Divina Provvidenza
Don Orione oggi
Don Flavio Peloso
VATICANO: In visita alla Casa di Santa Marta, sede
La vita
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy