La miglior carità che si può fare ad un’anima è di darle Gesù, e la più dolce consolazione che possiamo dare a Gesù è di dargli il possesso di un’anima. Questo è il vero suo regno.
Giovedì, 29 Febbraio 2024
13 Ottobre 2011
SUPERIORE GENERALE: Rosario e General Lagos una costellazione orionina in Argentina

Con una solenne cerimonia di ringraziamento, culminata nel TE DEUM, sono iniziati nella Cattedrale di Rosario di Santa Fé i festeggiamenti per il Giubileo dei 75 anni della venuta di San Luigi Orione nella città. Nel marzo del 1936 cominciò l'attività la scuola aperta in una quartiere molto povero, operaio e "rosso". Oggi quella scuola è viva e attiva con oltre 1600 alunni. A fianco della scuola sorge la Parrocchia e poco lontano due Hogarcitos con ragazzi con vari e gravi limiti. Poco fuori della città, a General Lagos, sorge un bel Piccolo Cottolengo.

L'arcivescovo Mons. José Luis Molloghan ha presieduto la cerimonia nella cattedrale-basilica piena di gente e di molti studenti. Ha manifestato devozione a Don Orione e riconoscenza alla Congregazione che in questi 75 anni molto ha fatto per il bene della Città.

Ho partecipato a questo momento di preghiera con grande emozione spirituale rivivendo un poco quanto sapevo aveva vissuto Don Orione.
Quando, insieme, il Nunzio Mons. Silvani e il vescovo di Rosario, Mons. Caggiano, insieme gli chiesero di venire a Rosario e di aprire una scuola per il figli di operai di un quartiere molto povero e difficile, Don Orione si inginocchiò davanti a loro e disse: "Voi siete i Vescovi. Io mi metto come straccio nelle vostre mani: la Divina Provvidenza aiuterà".
Quando poi, egli poté venire a Rosario, il primo suo atto fu quello di andare nella Cattedrale, che è anche Santuario della Madonna del Rosario, e di inginocchiarsi davanti alla Madonna per consacrare se stesso e la nuova opera alla Madonna.
Quest'opera di Rosario è iniziato "d'in ginocchio" davanti al Vescovo e davanti alla Madonna. I medesimi gesti ho voluto ripetere, a nome di tutta la Famiglia orionina di Rosario, nel celebrare i 75 anni e nel guardare avanti, al futuro.

Oggi, 13 ottobre, la visita è proseguita al Piccolo Cottolengo di General Lagos, un cittadina a una ventina di Km da Rosario. In mezzo al verde, sono ospitati oltre 120 tra Chicos y Chicas con vari problemi fisici e mentali, ma con tanta voglia di vivere e comunicare. Il personale è ben motivato e di buona carica umana e spirituale, coordinato da Fr. Jorge Alarcon e P. Juan Carlos Esparza. La gente vuole molto bene a quest'opera.

Nel pomeriggio, invece, c'è stato l'incontro con gli ospiti di due Hogarcitos (Case famiglia), sempre per disabili, che sorgono a Rosario, presso il Collegio e la Parrocchia. In ciascuno vi abitano una quindicina di Chicos y Chicas. Sono in condizioni molto povere, ma la Provvidenza sta aprendo le porte per una nuova casa per las Chicas.

A sera, conclusione solenne della festa con la Messa nella Parrocchia, presieduta dall'Arcivescovo Mons. Mollaghan che ha voluto tenessi l'omelia. Il Vangelo era quello in cui Gesù risponde ai messaggeri di Giovanni Battista, andate e riferite quanto avete visto: i ciechi vedono, gli zoppi cammminano, i bisognosi sono aiutati con dignità, i ragazzi sono educati, ai poveri è annunciata la buona novella della Paternità di Dio.
Tutto questo, da 75 anni, la città di Rosario vede accadere attorno alla costellazione di opere della Piccola Opera della Divina Provvidenza.

Don Flavio Peloso

Vedi anche Saenz Peña: alla scoperta del Chaco
A Itatì, 75 anni dopo Don Orione.



28 Febbraio 2024
Il Rosario: una riscoperta per i giovani
Dagli animatori della Parrocchia San Bernardino di Tortona, il racconto di un emozionante viaggio spirituale al Sacro Monte di Varese.
27 Febbraio 2024
Pogli (SV) festeggia il compleanno di Frate Ave Maria
Pogli non dimentica il suo cittadino più illustre e sabato sera ha festeggiato il compleanno di Frate Ave Maria.
26 Febbraio 2024
Il Papa: Diventare "cercatori della luce"
All’Angelus papa Francesco, commentando il Vangelo della Trasfigurazione ha invitato a «non staccare mai gli occhi dalla luce di Gesù» e a «coltivare sguardi aperti, diventare “cercatori di luce”, del
La Madonna del Rosario
Il Superiore generale recita l'Atto di consacrazione
Scopimento della targa all'ingresso della Cattedrale
Vedi tutte le foto
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Inviaci una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Frate Ave Maria
Figli della Divina Provvidenza
La storia degli 11 cammelli
La vita
Don Orione oggi
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy