Gesù è venuto nella carità, non con la eloquenza, non con la forza, non con la potenza, non col genio, ma col cuore, con la carità.
Giovedì, 9 Febbraio 2023
10 Ottobre 2011
SUPERIORE GENERALE: Sui passi di Don Orione a Itatì

Sono a Itatì, al grande santuario-basilica della Madonna di Itatì. Più grande festa non potevo trovare. Sono arrivato da Saenz Peña, che dista da Itatì 270 km, alle 18.30, ieri domenica 9 ottobre. Alle 19, ho presieduto la celebrazione della Messa in azione di grazie per i 75 anni di presenza della Congregazione a Itatì.
Il santuario è grande, solenne e armonico nell’architettura. E l’ho trovato pieno, con 300 chierichetti per il loro raduno diocesano, e tanta tanta gente. Nella navata, mi dicono i Confratelli, ci stanno circa 10.000 persone.


Si tratta di un’opera ardita realizzata dal nostro confratello Don Benedetto Anzolin. Don Orione desiderava che fosse un tempio degno della Madonna e segno di romanità. Il progetto del Santuario è stato disegnato dall’ingegnere Felipe Bergamini. Ha una superficie coperta di 2.800 m2, 80 m di lunghezza e 73 di larghezza. La cupola è alta 80 metri con un diametro di 28 m. Sulla cupola c’è la statua della Madonna alta di 7,5 m, in rame, opera di Ulises Tosi.

A Itatì, ci sono 7 nostri Confratelli molto impegnati e contenti nella pastorale del Santuario, nella Parrocchia che conta anche comunità e cappelle rurali, nelle attività caritative. “Accanto a un’opera di culto sorga un’opera di carità” e a Itatì ci sono varie opere: Scuola primaria e secondaria, Scuola speciale e soprattutto il Piccolo Cottolengo, proprio a fianco del Santuario.

Oggi, 10 ottobre, c’è stata ancor più grande animazione, perché al Santuario si è celebrato l’atto solenne di conclusione del 50° della costituzione dell’arcivescovado di Corrientes. Per l’occasione si sono riuniti tutti gli operatori pastorali della Diocesi in quello che viene chiamato “Encuentro del pueblo de Dios”.
La Messa è stata presieduta dall’arcivescovo Mons. Andrés Stanovnik e dall’arcivescovo emerito Mons. Domingos Castagna. Naturalmente il santuario era pienissimo per una celebrazione solenne e festosa.
Anch’io ho detto qualche parola, nel momento del ringraziamento finale, ricordando quanto Don Orione fu felice di venire a Itatì perché il vescovo, Mons. Francisco Vicentin, gli aveva affidato la Madonna e i Poveri, suoi grandi amori e grandi risorse missionarie perché nessuno più della Madonna e dei poveri beneficiati magnificano i Signore.

Vivo questa mia visita al Chaco, avendo alla memoria la visita – l’unica sua vista - in queste terre del nostro Don Orione avvenuta nei giorni 25-29 giugno 1937. Ne riporto una breve descrizione.


La visita di Don Orione nel Chaco

La mattina del 26 giugno 1937, verso le 11, Don Orione dopo la rapida visita a Saenz Peña, partì in treno per Resistencia, capitale del Chaco: «Vi giunsi verso le 17. Alla stazione stava ad aspettarmi il Vescovo, Monsignor Nicola Di Carlo, figlio di italiani… Fui condotto alla casa del Vescovo, non oso dire “episcopio”.
La sera stessa arriva a Resistencia un inviato del Vescovo di Corrientes, Monsignor Francisco Vicentin, incaricato di prelevare e accompagnare Don Orione a Corrientes.
A Corrientes trova l’accoglienza affettuosa di monsignor Vicentin, argentino figlio di friulani, giovane di quarant’anni, che Don Orione definisce «molto equilibrato, colto e zelante». Il Vescovo dà una cena d’onore per lui, invitando vari «notabili» della cittadina.

Alle 5 della mattina, del 27, Don Orione riparte e Monsignor Vicentin è già alla porta per salutarlo. Congedo affettuoso, la macchina fila via rapida, il Vescovo saluta il vecchio Fondatore che non rivedrà più.

Da Corrientes a Itatì sono circa 80 km. «È stata una corsa velocissima - scrive Don Orione - , tutta a sobbalzi, per le strade a fosse e a montucchi, sì che, per non andare sconquassato col mio mal di reni, ho dovuto, per tutto quel tempo, tener ritte, ben piantate e irrigidite le braccia sul sedile, onde salvarmi, in una manovra continua di alti e bassi: mi pareva di andare sulle montagne russe. Finalmente comparve il santuario di Itatì, e fu un gran respiro! La stanchezza e il mal di reni se n’andarono. Tutto scomparve. Quando entrai, la chiesa era piena di popolo devoto; mi sono inginocchiato in fondo, nel cantuccio del pubblicano, e ho sentito tutta la felicità di trovarmi in casa della Madonna...».

A Itatì, c’erano dal 25 gennaio 1936 don Vincenzo Errani, don Giovanni Lorenzetti e il chierico Tommaso Alonzo.
Don Orione trascorse a Itatì due notti, del 27 e 28 giugno. Il 29 mattino ripartì.
I Confratelli lo accompagnarono al battello che andava verso Corrientes percorrendo il fiume Paranà, largo due km, maestoso.

Il 29 e 30 giugno trascorsero in navigazione e Don Orione celebrò i giorni dei Santi Apostoli Pietro e Paolo scrivendo la mirabile lettera-meditazione: “Penso, ecco, io dal fiume Paranà, i fratelli e figli che ho lasciati, ieri notte, agli estremi confini dell’Argentina, di fronte al Paraguay: gli altri che sono nel Chaco: quelli che rivedrò stasera a Rosario, i nostri che sono alla Pampa, a Quenca a Mar del Plata e in altri punti di questa Repubblica: gli altri dell’Uruguay, del Brasile; chi è in Albania, chi a Rodi, in Inghilterra, in Polonia, e voi, che siete in Italia, - tutti, oggi, insieme con me, lontani ma non divisi, dispersi, eppur tutti uniti nella comune Fede e nello stesso ;amore di figli amatissimi, oggi ci consoliamo insieme, preghiamo insieme pel Papa, celebriamo Gesù Cristo e Pietro, nel Papa nostro Pio XI. Oh le gioie grandi della fede!”.

Don Flavio Peloso


Vedi: Visita del Superiore generale nel Chaco








 

9 Febbraio 2023
SPAGNA: UN GRUPPO DI VOLONTARI VISITA L' HOGAR DON ORIONE DI MADRID
L'Hogar Don Orione di Madrid ha vissuto momenti di gioia e di festa qualche giorno fa per la visita di un folto gruppo di volontari della scuola “Orvalle” di Las Rozas, compresi studenti e familiari.
8 Febbraio 2023
BRASILE NORD: L'ORDINAZIONE SACERDOTALE DEL DIACONO ANDRÉ SABINO
Il 4 febbraio, alle ore 16, nella città di Ouro Preto, distretto di Lavras Novas, il diacono André Sabino, è stato ordinato sacerdote, per l'imposizione delle mani e la preghiera consacratoria dell'ar
7 Febbraio 2023
«PIÙ AMORE DI DIO!»
Il 7 febbraio 1923 don Orione scriveva ai suoi religiosi della comunità di Rafat, in Palestina. A distanza di cento anni, il Direttore generale invita le comunità a rileggere quella lettera, "bisognos
ITATI: il santuario nuovo e, a fianco, l'antico
L'interno del santuario
Il fiume Paranà visto dalla base della cupola
Vedi tutte le foto
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Inviaci una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Frate Ave Maria
Figli della Divina Provvidenza
La storia degli 11 cammelli
La vita
Don Orione oggi
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy