Gesù è venuto nella carità, non con la eloquenza, non con la forza, non con la potenza, non col genio, ma col cuore, con la carità.
Giovedì, 9 Febbraio 2023
21 Ottobre 2009
ROMA: Alemanno, Giro, Batelli: La Madonnina torni presto a benedire dall'alto di Monte Mario

Il superiore provinciale, Don Domenico Crucitti, informa degli ultimi sviluppi del progetto di restauro e ricollocazione della statua della “Madonnina” di Monte Mario, caduta una settimana fa dal suo piedistallo di 19 metri da dove benediceva con la sua maestosa e gentile imponenza (alta 9 metri) la città di Roma.

Ieri, 20 ottobre, alle 15,30, è salito presso la Madonnina il sindaco di Roma Gianni Alemanno, accompagnato da alcuni costruttori dell'ACER che hanno promesso di impegnarsi da subito a predisporre i progetti per restaurare la Madonnina per rimetterla su.
“La Madonna è la protettrice del popolo romano. Vogliamo che ritorni a troneggiare sul Colle di Monte Mario. Un fatto simbolico ma soprattutto culturale per la nostra città". E' quanto ha dichiarato il sindaco di Roma Gianni Alemanno, visitando il don Orione a Monte Mario. Accanto al sindaco di Roma il direttore provinciale don Domenico Crucitti e il segretario generale don Aurelio Fusi e il presidente ACER Eugenio Batelli. Coinvolto dall´assessore ai Lavori Pubbici Ghera, a nome dei Costruttori, ha detto: "Ci riteniamo onorati di poter dare un contributo economico e tecnico alla risoluzione del problema - ha dichiarato Battelli - perche' riteniamo che la Madonna di Don Orione rappresenti uno dei simboli piu' importanti della città".

Poco dopo le 17, è stato il Sottosegretario del Ministero dei Beni Culturali, on. Francesco Maria Giro, assieme ad un rappresentante della Soprintendenza ai beni culturali, a fare una ispezione, assicurando l’interesse dello Stato per il recupero artistico e ambientale della statua. Si comincia a parlare di tempi previsti che variano da tre a sei mesi.
"Apprezzo la disponibilita' dell'Associazione Costruttori Edili di Roma per il restauro della Madonnina di Monte Mario, ma anche lo Stato, attraverso il nostro ministero, e' pronto a fare la propria parte, come e' giusto che sia, per il ripristino di una statua che da oltre mezzo secolo e' entrata nel cuore di tutti i cittadini della capitale". Il sottosegretario ai Beni culturali, Francesco Giro, ha proseguito spiegando: "L'articolo 35 del codice dei Beni culturali prevede che il pubblico possa contribuire ad interventi di questo tipo concorrendo alle spese sostenute da un privato proprietario del bene culturale, soprattutto quando quest'ultimo abbia un particolare significato per la collettivita'. Proprio come nel caso della Madonnina di Monte Mario".

Il Superiore Provinciale, Don Domenico Crucitti, ha reso noto che presso il Centro Don Orione di Monte Mario è stato costituito un Comitato destinato a coordinare in tutte le sue fasi e aspetti il recupero e riposizionamento della statua. Il Comitato operativo è composto da religiosi e laici, con presidente Don Giovanni Carollo, direttore del Centro Don Orione di Monte Mario.
E’ stata avviata una campagna con depliants e volantini per sensibilizzare la gente. Il giornale Il Tempo sta continuando a dedicare grande attenzione al tema della Madonnina pubblicando vari articoli.
Sara' possibile collaborare inviando inoltre un' offerta sul C/C Provincia Religiosa Ss. Apostoli Pietro e Paolo n. 54071006 'Pro Madonnina', oppure sul conto corrente Banca Intesa San Paolo - Fil. 06789 Rm, Iban IT89M 03069 05045 029988 280118 'Pro Madonnina'.


A.P.





















9 Febbraio 2023
SPAGNA: UN GRUPPO DI VOLONTARI VISITA L' HOGAR DON ORIONE DI MADRID
L'Hogar Don Orione di Madrid ha vissuto momenti di gioia e di festa qualche giorno fa per la visita di un folto gruppo di volontari della scuola “Orvalle” di Las Rozas, compresi studenti e familiari.
8 Febbraio 2023
BRASILE NORD: L'ORDINAZIONE SACERDOTALE DEL DIACONO ANDRÉ SABINO
Il 4 febbraio, alle ore 16, nella città di Ouro Preto, distretto di Lavras Novas, il diacono André Sabino, è stato ordinato sacerdote, per l'imposizione delle mani e la preghiera consacratoria dell'ar
7 Febbraio 2023
«PIÙ AMORE DI DIO!»
Il 7 febbraio 1923 don Orione scriveva ai suoi religiosi della comunità di Rafat, in Palestina. A distanza di cento anni, il Direttore generale invita le comunità a rileggere quella lettera, "bisognos
Il sindaco Alemanno accompagnato da Don Crucitti e Don Fusi
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Inviaci una richiesta
Informativa Privacy
Cookies
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Frate Ave Maria
Figli della Divina Provvidenza
La storia degli 11 cammelli
La vita
Don Orione oggi
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy