Chi fa bene, trova bene; chi semina benedizioni, trova benedizioni.
Giovedì, 24 Luglio 2014
7 Settembre 2013
CHIESA: La giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria e nel mondo.
Sin da stamattina tutto il mondo prega per la pace, unendosi spiritualmente secondo le intenzioni del Santo Padre, per allontanare i venti di guerra in Medio Oriente. Cominciano ad arrivare le informazioni di questo straordinario evento.

Il Papa ha detto nel suo messaggio durante la veglia che  “Tutto il creato forma un insieme armonioso, buono, ma soprattutto gli umani, fatti ad immagine e somiglianza di Dio, sono un’unica famiglia, in cui le relazioni sono segnate da una fraternità reale non solo proclamata a parole (…) Il mondo di Dio è un mondo in cui ognuno si sente responsabile dell’altro, del bene dell’altro. (…) Quando l’uomo pensa solo a sé stesso, ai propri interessi e si pone al centro, (…) guasta tutte le relazioni, rovina tutto; (…) Possiamo dire (…) No, non esiste la 'disarmonia': o c’è armonia o si cade nel caos, dove è violenza, contesa, scontro, paura. (…) in ogni violenza e in ogni guerra noi facciamo rinascere Caino. (…) continuiamo a seminare distruzione, dolore, morte! La violenza, la guerra portano solo morte, parlano di morte! La violenza e la guerra hanno il linguaggio della morte!”

Successivamente il Papa ha continuato: “È possibile percorrere la strada della pace? Possiamo uscire da questa spirale di dolore e di morte? Possiamo imparare di nuovo a camminare e percorrere le vie della pace? (…) Sì, è possibile per tutti! (…) Nel silenzio della Croce tace il fragore delle armi e parla il linguaggio della riconciliazione, del perdono, del dialogo, della pace. (…) la violenza e la guerra non è mai la via della pace! Ognuno si animi a guardare nel profondo della propria coscienza (…) ferma la tua mano, ricostruisci l’armonia che si è spezzata; e questo non con lo scontro, ma con l’incontro! Finisca il rumore delle armi! La guerra segna sempre il fallimento della pace, è sempre una sconfitta per l’umanità. (…) 'La pace si afferma solo con la pace (…)' perdono, dialogo, riconciliazione sono le parole della pace (…) Preghiamo, questa sera, per la riconciliazione e per la pace, lavoriamo per la riconciliazione e per la pace (…)".

Il superiore generale Don Flavio Peloso si trova a BONOUA (Costa d’Avorio), presso il Santuario Notre Dame de la Garde, assieme ai superiori provinciali Don Pierangelo Ondei, P. Aparecido Da Silva, P. Malcolm Dyer, P. Basile Aka e altri religiosi orionini giunti dalle nazioni africane ove è presente la Congregazione per il "Sinodo orionino per l'Africa".
Oggi, presso la grande statua della Madonna di Bonoua, si sono radunate circa 2000 persone, convocate da "Radio Espoir" (Radio Speranza, la radio della Diocesi di cui è vescovo l'orionino Mons. Raymond Ahoua). Una lunga veglia di preghiera con catechesi, sacramenti, fraternità gioiosa, sdraiati sull'erba della collina o sotto qualche tenda improvvisata. Una scena biblica; come non pensare alla predicazione di Gesù all'umile popolo che cercava conforto e parole di vita eterna?

Don Flavio ha rivolto alcune parole alla folla per invitare a presentare alla Madonna i propri sogni, come un giorno fece Luigi Orione chiedendo di diventare sacerdote. “E in comunione con il Papa e con il Vescovo, con la Diocesi e la Chiesa universale abbiamo presentato alla Madonna il desiderio e l'implorazione per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo (…) La pace viene solo da una ritrovata coscienza di fraternità tra i popoli. La paternità di Dio è la sorgente della fraternità umana, nonostante le diversità e anche le ostilità che possono esserci. Pregare il Padre nostro è il primo e fondamentale atto di pace nelle famiglie, nella società, tra i popoli".

Alla fine Don Flavio ha impartito la benedizione alla folla devota e attenta.
Alla sera, presso il Noviziato si è tenuta l'adorazione eucaristica.

A ROMA, diversi Religiosi e Religiose orionini si sono recati in Piazza San Pietro, dove hanno partecipato alla Veglia di preghiera insieme con il Santo Padre.

A TORTONA, i Religiosi si sono uniti a tutti i fedeli invitati dal vescovo Mons. Martino Canessa nella Cattedrale di Tortona. Presso il Santuario della Madonna della Guardia è rimasto aperto il tempietto di San Bernardino, dove potevano recarsi coloro che non potevano andare in Duomo.

PALERMO Dopo la Celebrazione Eucaristica delle ore 19, sabato 7 settembre, la comunità parrocchiale della Madonna della Provvidenza di Palermo si è fermata in preghiera, accogliendo il forte invito di Papa Francesco, per implorare il dono della Pace. Dalle ore 20.00 alla mezzanotte diversi fedeli si sono alternati nel dare compagnia a Gesù esposto nel SS Sacramento. È stato, a più riprese, letto l’accorato appello rivolto dal Papa alle parti in conflitto e meditato diversi passi biblici: “Vi do la mia pace”, “Se qualcuno ha qualcosa contro il suo fratello lasci l’offerta e torni a riconciliarsi con lui”, “Beati gli operatori di pace perché saranno chiamati figli di Dio”… Canti, preghiere spontanee e più ancora la preghiera silenziosa che è salita dal cuore di ciascuno avevano un solo comune e incessante grido: Dona la pace, Signore! Dona la pace ai nostri cuori e al mondo intero!

BERGAMO. Anche qui al Centro Don Orione di Bergamo è stato accolto l'invito del Papa al digiuno e alla preghiera. Nella Chiesa del Centro si è svolta una giornata di Adorazione a tal scopo. Alle ore 10,30 S. Messa per la pace concelebrata dai sacerdoti orionini presenti, alle 11 è iniziata l'Adorazione di Gesù nel Santissimo Sacramento, con spazio per la preghiera individuale e due momenti di riflessione proposti dal superiore Don Ugo Dei Cas, il quale ha fatto meditare ai presenti su pensieri di pace espressi dagli ultimi Papi, da Papa Pio XII fino all'attuale Papa Francesco. L'Adorazione si è conclusa con il Rosario alle ore 17, guidato da Don Andrea Curreli e la benedizione Eucaristica. La presenza è stata buona da parte degli ospiti e loro parenti, dei simpatizzanti, volontari del Centro orionino, oltreché di tutti i Religiosi.

 

sj.

24 Luglio 2014
Convegno MGO: Concluso il terzo nucleo – “missione”.
Dopo un pomeriggio all'Eremo di Frate Ave Maria ed una fantastica serata di festa i giovani si sono buttati nei lavori finali per completare questa esperienza e chiuderla con qualcosa da condividere c
22 Luglio 2014
CONVEGNO MGO: Verso una nuova primavera del carisma – Don Orione 2.0.
Si sono conclusi ieri sera i lavori del secondo nucleo del Convegno del Movimento Giovanile Orionino dedicati al tema della comunione.
22 Luglio 2014
BRASILE: A Belo Horizonte un nuovo progetto per i bambini e adolescenti
“Voi non avete solo una gloriosa storia da ricordare e da raccontare, ma una grande storia da costruire” (VC 110).
Vedi tutte le foto
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Invia una richiesta
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
VATICANO: In visita alla Casa di Santa Marta, sede
Link della Congregazione
Case di don Orione
Don Flavio Peloso
"Il Signore sa che ci siamo" (IT- ES- EN - FR- PL-
O Senhor sabe quem nós somos
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2012 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy