Tutto passa solo Cristo resta! E’ Dio e resta! Resta per illuminarci, resta per consolarci.
Venerdì, 22 Febbraio 2019
1 Febbraio 2019
VENEZUELA: LA FEDE E L'IMPEGNO DEGLI ORIONINI E DELLA CHIESA PER AFFRONTARE LA DIFFICILE SITUAZIONE
È terminata ieri la visita canonica del Vicario generale Don Oreste Ferrari e del Consigliere generale Don Fernando Fornerod alla comunità di Barquisimeto (Venezuela).

Barquisimeto (Venezuela), è una grande città della carità orionina con opere emblematiche come quella dell’Honim, che ospita circa 80 ragazzi con handicap diversi e nella quale c’è una grande realtà di volontariato che aiuta le persone sia col farsi strumento della provvidenza di Dio nel servizio, che allo stesso tempo nel reperire fondi e cibo per la struttura.

I due Consiglieri generali hanno visitato anche il Piccolo Cottolengo, un’altra realtà molto significativa che, insieme all’Honim, testimonia in questa grande città un messaggio di carità verso i più bisognosi. Hanno poi visitato una scuola speciale per ragazzi disabili e un Hogar per ragazzi di strada, due realtà che, che pur non essendo orionine, sono portate avanti da laici e da altre congregazioni che hanno e sentono Don Orione come patrono ispiratore.

Questa vera e propria “città della carità” si completa poi con la parrocchia “Nostra Signora di Guadalupe”, dove ci sono tantissimi gruppi, composti anche da giovani, molto ben organizzati e con uno spirito e una forza incredibili, che trasmettono un grande senso di chiesa diocesana, di orioninità e di collaborazione. Ad esempio, è stata organizzata, insieme ad altre istituzioni, una farmacia che rende un importante servizio di prossimità offrendo medicine e cibo, ma anche una presenza consolatrice in questo momento di difficoltà. Una grande gioia percorre il cuore di tutti i volontari e gli impiegati orionini. Malgrado la sofferenza e la fame sentono che la Provvidenza non li abbandona e che, anzi, risveglia in tutti quanti la solidarietà e la generosità. I poveri quanto meno hanno più danno, e cercano di aiutarsi fedeli alla Provvidenza di Dio che non abbandona mai, specialmente i suoi figli prediletti.

All’Honim, al Piccolo Cottolengo, alle scuole speciali e alla parrocchia si aggiunge poi la realtà del Seminario “Don Orione”, con 3 seminaristi che stanno studiando filosofia e che danno alla casa un tono di gioia e di speranza, di persone che si sentono attratte dal messaggio e dalla missione di Don Orione, che vogliono far parte della famiglia orionina con entusiasmo. La loro creatività e il sorriso disegnato sui loro volti è segnale che Dio non abbandona il suo popolo sofferente.

«La realtà in Venezuela è molto dura – raccontano i due Consiglieri – a causa della grave crisi socio-politica che da tempo incombe nel Paese. Siamo stati testimoni delle centinaia di persone in fila per mangiare e della mancanza delle medicine, e siamo convinti sia necessario un corridoio umanitario per questi due beni primari che scarseggiano. A tutto questo si è aggiunta la crisi del trasporto pubblico, che al momento risulta praticamente inesistente. Ci sono persone che escono di casa alle 3 del mattino per riuscire ad accaparrarsi un bigliettino numerato con il quale, alle 6,  possono andare a prendere posto in autobus pagando anche dei prezzi pazzeschi, con il rischio per di più di essere derubati. È purtroppo uno stato totalmente abbandonato e la società civile, che pure soffre quotidianamente, con molta forza cerca di andare avanti verso la normalità. In questo scenario i religiosi e i laici orionini fanno in modo di non scoraggiarsi, aiutandosi vicendevolmente e testimoniando un servizio di pace e di solidarietà e di concreto aiuto verso chi soffre per questa situazione».

«L’Honim, il Piccolo Cottolengo, la Parrocchia e il Seminario – aggiungono – costituiscono la costellazione orionina venezuelana a Barquisimeto, che è molto vicina alle sofferenze del popolo, al quale testimonia un messaggio di pace, di riconciliazione e di impegno a favore degli ultimi e a coloro che stanno soffrendo per questa situazione. Abbiamo visto lunghe code di persone davanti alle istituzioni cattoliche che aprono le loro porte per condividere quello che hanno. Alcune non si limitano a distribuire cibo sulla porta, ma accolgono i poveri con dignità, facendoli sedere a tavola. Nel dramma che vive il popolo venezuelano la carità orionina si è rimboccata le maniche e lavora gomito a gomito in questo oceano sofferenze».

«Una delle caratteristiche del popolo venezuelano – proseguono – che lascia sconvolti, è la serenità e l’allegria con cui non si arrendono e combattono pacificamente, aiutandosi vicendevolmente. Ci colpisce la grande fede, l’allegria che non è stata intaccata da questa triste e grave situazione umanitaria. Malgrado tutto, questa situazione non ha rubato loro il sorriso, l’allegria, la speranza, l’impegno e la carità».

Ieri, memoria liturgica di san Giovanni Bosco, i due Consiglieri, hanno celebrato la messa in seminario chiedendo l’intercessione di san Giovanni Bosco e di san Luigi Orione, per i religiosi che con impegno stanno portando avanti questo messaggio di carità non soltanto all’interno delle opere orionine, ma avendo come orizzonte la società civile venezuelana.

Commenta Don Fornerod: «In questi giorni vedendo questa situazione, pensavo e meditavo la frase di san Paolo: “Né morte, né vita, né angeli, né principati, né cose presenti, né cose future, né potenze, né altezza, né profondità, né alcun'altra creatura potranno separarci dall'amore di Dio che è in Cristo Gesù, nostro Signore. E queste parole si vivono e si sperimentano in ogni angolo del Venezuela orionino, nei volti e nei cuori di volontari, religiosi e impiegati che portano avanti e rendono viva questa esperienza».

I due Consiglieri si sono diretti poi a Caraballeda, per visitare l’altra comunità orionina a cui è affidata la parrocchia “Nostra Signoria della Candelaria”, che celebra in questi giorni la festa patronale.

 

 

22 Febbraio 2019
PARAGUAY: NUOVA ATTIVITÀ PASTORALE A LUQUE
Il 20 febbraio l'Opera Don Orione in Paraguay ha iniziato una nuova attività pastorale nella Quasi Parrocchia Cristo Rey che si trova Luque.
22 Febbraio 2019
VENEZUELA: APPELLO DEI VESCOVI, “FAR ENTRARE GLI AIUTI UMANITARI È UN DOVERE MORALE”
“Il Paese ha bisogno di aiuti umanitari. Il regime ha l’obbligo di affrontare i bisogni della popolazione e al fine di facilitarne l’ingresso e la distribuzione, evitando ogni tipo di violenza repress
21 Febbraio 2019
GENOVA: DON PAOLO CLERICI NUOVO PARROCO DI SAN GIUSEPPE BENEDETTO COTTOLENGO
Domenica scorsa 17 febbraio 2019 presso la Parrocchia “San Giuseppe Benedetto Cottolengo” di Genova, il Cardinale Arcivescovo Angelo Bagnasco ha presieduto la cerimonia di insediamento del nuovo parro
Vedi tutte le foto
MENU RAPIDO Credits
Help & Feedback
Help
Frequently Asked Questions
Invia una richiesta
Altre lingue
Contenuti più visitati
Contattaci
Link della Congregazione
Figli della Divina Provvidenza
Don Orione oggi
Don Flavio Peloso
VATICANO: In visita alla Casa di Santa Marta, sede
Case di don Orione
Siti amici
Piccole Suore Missionarie
Istituto Secolare Orionino
Movimento Laicale Orionino
Servizio Esperti Volontari
ENDO-FAP
Il Papa e la Santa Sede
Contatti
Come contattare la Piccola Opera nel mondo
© 2011-2016 Piccola Opera della Divina Provvidenza - Diritti Riservati Termini di utilizzo Privacy Policy